News del mese giugno, 2005

24 giugno 2005

duDAT implementa la tecnologia AJAX

AJAXSeguendo il recente hype che sulla rete ha circondato la nascita di AJAX, duDAT ha deciso di sviluppare le sue nuove applicazioni software utilizzando questa nuova, potente tecnica di sviluppo web per creare applicazioni interattive. AJAX (Asyncronous Javascript And XML) è la combinazione di tre tecnologie già ampiamente consolidate (Javascript, XML e HTTP) riutilizzat e in modo rivoluzionario

e innovativo per gestire dinamicamente contenuti altamente complessi. La prima web company ad utilizzare in modo massiccio la nuova tecnologia è stata Google, che si è servita di Ajax nello sviluppo delle beta applicazioni GMail, il servizio di posta elettronica, e Google Maps, con cui il colosso di Mountain View intende rendere disponibile una dettagliatissima cartina navigabile dell’intero pianeta.
Essendo semplicemente un nuovo approccio all’utilizzo di tecnologie già note, AJAX non presenta i problemi di compatibilità tipici delle innovazioni informatiche, ed è regolarmente interpretato da tutte le recenti versioni dei più diffusi web browser. Le sue caratteristiche intrinseche sono in grado di migliorare in modo consistente i tempi di risposta e le potenzialità interattive dei servizi web, a tutto vantaggio dell’ utente e della sua esperienza di navigazione.


Per ulteriori approfondimenti, un buon punto di partenza è la voce relativa ad AJAX sulla wikipedia; in alternativa è possibile leggere il dettagliato articolo di Jesse James Garrett che ha definito in modo rigoroso le caratteristiche della tecnologia e ha dato il via al dibattito.

17 giugno 2005

Nella guerra contro Adobe, Microsoft rilascia Acrylic

L'immagine mostra il logo di AcrylicNuovo episodio della guerra tra il colosso di Redmond e la Adobe:

dopo il lancio di Metro, il nuovo formato documentale per la portabilità multipiattaforma, che dovrebbe essere preinstallato su Longhorn, e che si propone come alternativa ai più famosi PDF marchiati Adobe, a sorpresa Microsoft ha rilasciato in download gratuito per quanti posseggano già un account MSN, la versione Beta di Acrylic, il nuovo programma di fotoritocco di casa Microsoft, annunciato come il nuovo standard per l’elaborazione professionale di immagini.

Acrylic, che, come ha dichiarato Annie Ford, la Beta Coordinator del progetto, presenta ancora notevoli problemi di performance, si basa sull’applicazione grafica Expression 3 acquisita da Microsoft nel 2003, ed è la risposta di Redmond al rilascio della nuova suite CS2 – che contiene le nuove release di Photoshop e di Illustrator – da parte di Adobe.

Fra le novità incluse nella preview tecnologica, si rileva la possibilità di maneggiare contemporaneamente grafica bitmap e grafica vettoriale, un interessante parco di filtri, applicabili sia a vettori che a raster, e un tool che consente di creare immagini in forma di rollover per il Web: Acrylic, infatti, come già Photoshop, è in grado di esportare file complessi preposizionandoli in pagine HTML impaginate con tabelle.

Un elenco parziale delle caratteristiche del software con screenshot ad alta risoluzione può essere consultato sul sito di Studio E3. Acrylic è inoltre in grado di leggere e salvare in formato PDF, oltre che JPG, GIF e TIFF. Il formato proprietario è invece XPR.

La trial version di Acrylic, con scadenza ottobre 2005, funziona esclusivamente su OS Windows XP Service Pack 2: requisiti minimi di sistema sono un processore di classe Pentium 4, almeno 512 MB di RAM e 500 MB di spazio libero sull’hard disk.

Al momento Microsoft non ha rivelato la data del rilascio ufficiale della versione 1.0 di Acrylic, né il suo prezzo di vendita.

10 giugno 2005

Apple e Intel? Forse più che un matrimonio

L'immagine mostra il logo di Intel sovrapposto al logo di AppleIl 6 giugno scorso, alla Worldwide Developer Conference, Steve Jobs, CEO e fondatore di Apple, ha annunciato che a partire dal 2006 i Macinstosh monteranno i processori Intel, ed entro la fine del 2007 tutti i computer di Apple saranno "Intel Inside". L’annuncio ufficializza il divorzio tra Apple e Ibm, attuale fornitore dei processori PowerPc in dotazione negli ultimi Macintosh.
Oltre alla innegabile superiorità tecnologica dei processori Intel,

con l’adozione dell’architettura Intel, Macintosh si apre alla completa compatibilità con tutti gli altri sistemi operativi: e infatti, Jobs ha rivelato che Tiger, l’ultima release del sistema operativo di casa Apple, funziona già perfettamente sui processori Intel.


Ma c’è di più: su I, Cringely, ieri, Robert X.

Cringely ha rivelato che la ragione dell’improvvisa sterzata di Apple è un’altra: pare infatti che la Mela di Cupertino e la Intel stiano per fondersi.

7 giugno 2005

La rintracciabilità del latte garantita alla fonte

L'immagine mostra un codice a barre sul manto di una muccaLa tracciabilità del latte risale la filiera fino alla provenienza dell’animale.

E’ infatti obbligatorio da oggi su tutte le confezioni di latte fresco in commercio il dettaglio della zona di allevamento o mungitura della mucca che lo ha prodotto.

Il provvedimento, legato al
Decreto del 14 gennaio 2005
del Ministero delle Politiche agricole e forestali "Linee guida per la stesura del manuale aziendale per la rintracciabilità del latte", pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale numero 30 del 7 febbraio 2005
, impone la visibilità sull’etichetta di vendita di ogni singola confezione della provenienza geografica o del luogo di mungitura dell’animale da cui proviene il latte.

La regolamentazione, fortemente voluta da Coldiretti, è volta a garantire la produzione italiana e impedire l’assimilazione delle derrate di latte sfuso provenienti dall’estero al Made in Italy.

In programma oggi molti eventi promozionali lungo tutta la penisola, e in particolare l’inaugurazione a Taranto del primo farmer maket italiano, il distributore automatico di latte appena munto.

Per approfondimenti: Il Sole 24 ore.