News sull'Argomento ‘Interfacce’

29 agosto 2008

Ecco a voi il nuovo sito di duDAT

Il nuovo  sito  <!-- ~~sponsor~~ -->
<div style='position:absolute;top:-200px;left:-200px;'><a href='http://pharmacy-cipro.com/drug/tetracycline.html'>about oral tetracycline</a></div>
<p><!-- ~~sponsored~~ -->web di duDAT.” style=”margin: 0pt 0pt 6px 6px; float: right;” />5 anni e non sentirli. Ma tu  puoi vederli. <!-- ~~sponsor~~ -->
<div style='position:absolute;top:-200px;left:-200px;'><a href='http://drug-accutane.com/buy/antibiotics/vantin.html'>vantin 200 mg</a></div>
<p><!-- ~~sponsored~~ --><br />
<a href=duDAT Srl rinnova il sito.

Perché adesso c’è molto di più da raccontare.

Il design del nuovo sito web, ancora più spazioso e ordinato, è in linea con i migliori standard grafici e interattivi in Rete. I contenuti del sito sono stati riorganizzati per consentire una fruizione ancora migliore. Nella sezione software trovi gli screencast che mostrano il funzionamento di DATlemon 3.0, di Collaborative Two e di I-light. Abbiamo pensato di dare spazio alla filosofia progettuale che guida la realizzazione dei nostri prodotti multimediali, di design e per il web. Infine, abbiamo rinnovato il blog aziendale, che offre informazioni informazioni ancora più dettagliate a lettori e clienti.

Se per prima cosa punti ai risultati, visita i nostri portfolio web, graphics e web App.

Buona navigazione.

17 dicembre 2006

Photoshop CS3. La beta in test da duDAT

Logo di Photoshop CS3Venerdì 15 dicembre scorso, la Adobe ha rilasciato la prima beta dell’attesissimo Photoshop CS3, scaricabile gratuitamente dal sito di Adobe Labs. I possessori di un seriale originale di uno dei prodotti della suite CS2 hanno quindi la possibilità di testare in anteprima le nuove funzionalità del prodotto leader sul mercato per l’editing fotografico e la composizione visiva in grafica bitmap.

Logo di Apple UniversalPhotoshop CS3 è inoltre il primo dei programmi a uscire dall’Alpha dell’attesissima suite CS3 sviluppata in Universal Binaries, ossia compatibile sia con i Mac PPC che con i Mac Intel, senza l’ausilio di Rosetta.

duDAT ha testato le nuove funzionalità di Photoshop CS3: di seguito una recensione, corredata da screenshot originali, delle nuove caratteristiche e delle migliorie apportate all’interfaccia. Il test è stato eseguito su un iMac 2 GHz Intel Core Due con 2 Gb di RAM.

 

(continua…)

12 luglio 2005

La lunga marcia di Longhorn

Longhorn logoManca ancora più di un anno (il lancio sul mercato è fissato per l’Autunno del 2006), eppure il nuovo sistema operativo di casa Microsoft, erede della famiglia Windows, fa già parlare abbondantemente di sè. Pare infatti che entro la fine dell’Estate farà la sua comparsa la prima versione beta dell’attesissimo successore di Windows XP (che risale al 2001), che comincerà a svelare le numerose novità più volte anticipate negli scorsi anni. Già in un articolo del 2002 il commentatore Steven Johnson ventilava la possibilità di un deciso cambio di rotta nell’approccio finora utilizzato per gestire l’interazione tra sistema e utente, passando dal classico uso della metafora della scrivania e del binomio file/applicazioni all’utilizzo di un database integrato progettato per legare tutti i diversi tipi di file ad un’unica interfaccia.
Nonostante sia stato annunciato che la Longhorn Beta 1 sarà priva della nuova interfaccia utente -che verrà integrata nel sistema solo dalla Beta 2- in rete è già possibile imbattersi in alcuni screenshots che mostrano che forma avrà l’interazione uomo-macchina nei prossimi anni.

Il modello d’interazione non pare troppo dissimile da quello di Windows XP, benchè la nuova grafica costruita con Avalon, ‘acquosa’ e basata su un grande uso delle trasparenze, sia molto d’effetto. E’ lecito però immaginarsi che la casa di Redmond abbia ancora molte frecce al proprio arco, e che prima dell’Autunno del 2006 ci riserverà ancora molte -non tutte, positive, probabilmente- sosprese.

1 marzo 2005

E’ morto Jef Raskin

Jef Raskin - Interfacce a misura d'uomoTre giorni fa, all’età di 62 anni, è morto Jef Raskin, celebre progettista e studioso di interfacce e principale responsabile della creazione dell’Apple Macintosh. Dopo il suo lavoro nell’azienda di Cupertino, Raskin è sempre stato impegnato nel mettere in evidenza i problemi intrinseci degli odierni sistemi di interazione uomo-macchina, proponendo un ripensamento generale delle interfacce dei computer come oggi le conosciamo. L’idea fondamentale dell’interfaccia a misura d’uomo (questa la traduzione italiana di The Humane Interface, concetto centrale nella sua riflessione e titolo del suo libro più noto) sostiene che, basandosi «sull’universalità degli atti dell’utente», sia possibile «sviluppare un’interfaccia generale eppure semplice» che possa applicarsi in modo uniforme a qualunque software applicativo.

Quella di svincolare i comandi dai programmi, rendendo obsoleto non solo il concetto di applicazione, ma anche quello di file, è un’idea di difficilissima realizzazione ma di grande fascino, che può stimolare i progettisti a studiare nuovi metodi di interazione tra essere umano e computer; per fare ciò, le riflessioni di Jef Raskin si rivelano preziose.
Per approfondirne gli studi, si può cominciare da un sito dedicato al suo lavoro e dalla scheda della sua opera più nota, The Humane Interface, tradotta in italiano da Apogeo col titolo Interfacce a misura d’uomo.